canada goose pas cher canada goose solde canada goose pas cher

Introduzione

Il corso è strutturato per fornire un’adeguata preparazione professionale specializzata per “tecnico del suono” e “fonico” in relazione alle odierne esigenze di professionalità ed alle continue evoluzioni tecnologiche del mercato .
Il fonico è una figura presente in molti eventi: dal teatro, ai congressi, alle convention aziendali in genere. Quella del fonico, è una professione altamente specializzata da cui dipende, spesso, l’ottima riuscita di un evento.
Le competenze variano a seconda dell’ambito lavorativo, del tipo di prodotto e/o evento da realizzare e devono ricoprire anche esigenze non, necessariamente, legate all’audio (conoscenze informatiche, videoproiettori, illuminotecnica, ecc).
Si possono individuare in ogni caso delle conoscenze di base, comuni a tutte le tipologie di fonico.
Questo corso si propone di tracciare un’identità svelando, step by step, tutte le caratteristiche e le nozioni utili ad un fonico per esercitare questa professione. A partire da un’attenta analisi degli strumenti del mestiere come microfoni, mixer e impianti audio, passando poi al modo corretto per interfacciarli, fino ad arrivare alle diverse metodologie di mixaggio live e alle basi necessarie per una precisa lettura di una scheda tecnica.

A chi si rivolge

Il corso in oggetto è rivolto a tutti coloro che vogliano acquisire un’ ottima preparazione per quanto riguarda l’audio professionale, a chi ha interesse ad inserirsi nel mondo dello spettacolo nella produzione audio, apprendendo le tecniche e le competenze che sono proprie di questa professione.

Obiettivi

Il corso mira a delineare e preparare le personalità professionali di futuri tecnici del suono che siano in grado di elaborare tecnicamente il materiale audio, tenendo in considerazione ambedue i livelli dell’esperienza operativa: quello strettamente tecnico da un lato; quello narrativo dall’altro – quest’ultimo palesemente connesso con le problematiche del gusto alias con l’estetica relativa al prodotto ottenuto.
La finalità appena messa in evidenza verrà ad inquadrarsi in una prospettiva cognitiva più ampia, all’interno della quale la figura del tecnico del suono verrà ad inserirsi nella sua completezza di professionista, sia come esperto nell’applicazione delle tecniche operative acquisite, che nell’abilità di instaurare un dialogo sia linguistico sia metalinguistico con le altre figure dell’evento live, creando in talmodo l’auspicato supporto di affinità e sintonia indispensabili alla riuscita ottimale del lavoro.

Sbocchi professionali

Il fonico live è una figura professionale molto richiesta e le prospettive di occupazione sono molto incoraggianti. I possibili sbocchi lavorativi sono presso services tecnici che mirano a dare servizi audiovisivi per convention, congressi, spettacoli teatrali e vari momenti d’intrattenimento; artisti ed agenzie di spettacolo, attività imprenditoriale in proprio nel settore, ecc.

Struttura del corso

Si andranno ad esporre praticamente gli aspetti tecnici degli allestimenti, dell’amplificazione e della ripresa degli eventi live. Verrà fatta conoscere agli allievi tutta la strumentazione che viene normalmente utilizzata per realizzare un evento, oltre che la registrazione del suono e/o la diffusione in un ambiente, quali: microfoni e registratori, telecamere e videoproiettori, diversi apparati informatici, impianti attivi o passivi per l’amplificazione del suono e tutto ciò che è necessario usare nelle diverse situazioni che si possono incontrare.
Gli studenti avranno, quindi, non solo la capacità di utilizzare le apparecchiature, ma anche le informazioni utili per fare scelte tecniche strutturate secondo le circostanze dell’evento.
Saranno resi consapevoli dei mezzi tecnologici che utilizzano ed in grado, per diverse situazioni, di intervenire in caso di problemi di funzionamento.
Il programma del corso si presenta suddiviso in blocchi di lavoro, uno di carattere teorico-nozionistico, altri con connotazione tecnico-pratico. I diversi step formativi saranno integrati e supportati con momenti di stimolo all’analisi.

Numero partecipanti

Il corso e’ limitato a massimo 8 partecipanti

Orari

Durata del corso 60 ore.
Incontri da effettuarsi nell’arco di 2 mesi circa, a cadenza settimanale il sabato per una durata di 6 ore.

Caratteristiche del corso

PROGRAMMA

MODULO 1 – ACUSTICA ELETTROACUSTICA E PSICOACUSTICA

OBIETTIVI: fornire le nozioni base di fisica acustica e del linguaggio tecnico.
Portare gli allievi a conoscenza delle differenze tra fenomeno fisico e percezione sensoriale

  • – Il suono e la sua propagazione.
  • – Le onde acustiche. Loro analogie coi fenomeni ottici.
  • – Elettroacustica: funzionamento della consolle e di altri apparati tecnici. Analisi per sommi capi dei
    suoi circuiti elettronici, filtri potenziometri ecc.
  • – Guadagni e livelli in elettroacustica: il dB come unità di misura relativa.
  • – Livelli di ingresso e di uscita. Segnali bilanciati e sbilanciati, in fase e controfase.
  • – I cavi che trasportano il segnale e relativo cablaggio. Verifica dei cavi.
  • – I sensi e la percezione acustica.
  • – Relazione tra parametri sensoriali e fisici. La curva di risposta dell’orecchio umano.
  • – Alcuni fenomeni acustici: il mascheramento, effetto doppler, effetto marmitta, l’eco ed il riverbero.
  • – Ascolto monofonico, stereofonico, stereofonico in cuffia e Dolby multicanale.
  • – Le ultime teorie, ancora in fase di studio: i danni psicofisici dati dal superamento delle soglie di attenzione.

MODULO 2 – ANALOGICO DIGITALE E CODICI DI TEMPO

OBIETTIVI: fornire le basi necessarie per sapere utilizzare tutti gli attuali sistemi di registrazione e
sincronizzazione; sapere gestire ed utilizzare i codici di tempo alias Time Code.

  • – Curva analogica e variazione di tensione.
  • – Curva digitale ovvero codice binario.
  • – Il campionamento e le informazioni contenute in ogni campione.
  • – Correzione degli errori nel segnale digitale, il sistema PCM.
  • – Curva analogica e punto di distorsione.
  • – Curva digitale e punto di distorsione.
  • – Livelli di allineamento delle macchine con la nota di riferimento.
  • – Utilizzo dei codici di tempo e dei codici accessori, gli user bit. e i meta data.

MODULO 3 – LA RIPRESA DEL SUONO PER LA REGISTRAZIONE E/O LA DIFFUSIONE

IL TECNICO POLIEDRICO.

OBIETTIVI: dare la preparazione necessaria per essere in grado di allestire un set tecnico di ripresa audio gestendo autonomamente le riprese dell’evento sonoro e la diffusione in un ambiente. Saper armonizzare l’utilizzo di altri apparati non strettamente legati al suono, come solitamente viene richiesto al tecnico dal service per eventi di piccola entità.

  • – Definizione di ripresa del suono.
  • – Riprese in ambienti ideali o in ambienti ostili.
  • – Riprese correlate alla scena (nel caso di eventi teatrali e/o ripresi in video), la prospettiva sonora, il punto d’ascolto.
  • – Analisi e utilizzo di diversi tipi di: microfoni, registratori, consolle digitali, telecamere, videoproiettori,
    equipaggiamenti per illuminotecnica, mixer, diffusori attivi o passivi, computer, accessori, ecc.
  • – Allestimento dell’equipaggiamento.
  • – Organizzazione della squadra tecnica per grossi eventi.
  • – Analisi dell’evento sonoro da registrare, analisi della sceneggiatura o del copione di uno spettacolo teatrale.
  • – I documenti cartacei da compilare e le notazioni tecniche da indicare in essi.

Attrezzatura utilizzata durante il corso:

  • – Microfoni e radiomicrofoni
  • – Mixer
  • – Diffusori Passivi e attivi
  • – Amplificatori di potenza
  • – Americane, torrette, stativi
  • – Monitor video
  • – Schermi al plasma
  • – Telecamere professionali
  • – Proiettori
  • – Consolle digitali e analogiche
  • – Computer
  • – Apparecchiature per la traduzione simultanea
  • – CD/DVD player
  • – Cavi Audio Video e materiale accessorio
  • – Apparati per l’illuminazione e diverso materiale elettrico
  • – Apparati per la messa in sicurezza delle apparecchiature in posizione aerea (quali diffusori acustici,
    ecc.), definite “carichi sospesi” (come previsto dalla normativa 626 – 242 e successive modifiche e decreti attuativi per la sicurezza nei luoghi di lavoro).